Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Ecografia

  • Onde sonore ad alta frequenza per creare un’immagine di una parte dell’interno del corpo e analizzare gli organi interni
  • Tecnica diagnostica di primo livello. Visualizza immagini anatomiche istantanee e il movimento degli organi
  • Esame non invasivo, innocuo, di rapida esecuzione e perciò ripetibile tranquillamente più volte

Esame ecografico multidisciplinare

L’ecografia diagnostica, è un metodo di imaging biomedico che utilizza le onde sonore per produrre immagini delle strutture all’interno del corpo. Le immagini possono fornire informazioni preziose per la diagnosi e la direzione del trattamento per una varietà di malattie e condizioni cliniche

L’ecografo è uno straordinario concentrato di innovazione e tecnologia progettato per accelerare il flusso di lavoro. è dotato delle tecnologie di ultima generazione, una funzione di stand-by intelligente e tempi di avvio rapidi, sistema operativo Windows e design ergonomico all’avanguardia. Questa diagnostica per immagini e può avere applicazioni in numerose specialità, in particolare in ginecologia, ostetricia, ortopedia, urologia, epatologia e gastroenterologia. L’interfaccia utente intuitiva e gli strumenti clinici avanzati (esami con mezzo di contrasto ed elastosonografia), pensati per adattarsi a qualsiasi esigenza, garantiscono risultati eccezionali.

La maggior parte degli esami ecografici viene eseguita utilizzando un dispositivo a ultrasuoni (onde sonore) emessi da particolari sonde appoggiate sulla pelle del paziente. Esistono diversi tipi di ecografie, a seconda di quale parte del corpo viene scansionata e perché. I tre  principali esami econografici sono:

Ecografia esterna: la sonda viene spostata sulla pelle
Ecografia interna: la sonda viene inserita nel corpo
Ecografia endoscopica: la sonda è attaccata a un tubo lungo, sottile e flessibile (endoscopio) e fatta passare ulteriormente nel corpo

Tecnica diagnostica per immagini a ultrasuoni

Durante l’esame ecografico il meidico applica un gel sulla pelle sopra l’area da esaminare. Viene quindi utilizzata la sonda (trasduttore) sull’area da studiare e viene spostata a secondo della necessità per acquisire le immagini. Il trasduttore invia le onde sonore nel corpo, raccoglie quelle che rimbalzano e le invia ad un computer che genera le immagini. Questa immagine viene visualizzata in tempo reale su un monitor mentre viene eseguito l’esame. In genere un classico esame ecografico richiede da 30 minuti a un’ora.